Vetrina
Vetrina
Soldatietiopia.jpg

La guerra d'Etiopia, nota anche come campagna d'Etiopia, si svolse tra il 3 ottobre 1935 e il 5 maggio 1936 e vide contrapposti il Regno d'Italia e l'Impero d'Etiopia. Condotte inizialmente dal generale Emilio De Bono, rimpiazzato poi dal maresciallo Pietro Badoglio, le forze italiane invasero l'Etiopia a partire dalla colonia eritrea a nord, mentre un fronte secondario fu aperto a sud-est dalle forze del generale Rodolfo Graziani dislocate nella Somalia italiana. Nonostante una dura resistenza, le forze etiopiche furono soverchiate dalla superiorità numerica e tecnologica degli italiani e il conflitto si concluse con l'ingresso delle forze di Badoglio nella capitale Addis Abeba.

La guerra fu la campagna coloniale più grande della storia: la mobilitazione italiana assunse dimensioni straordinarie, impegnando un numero di uomini, una modernità di mezzi e una rapidità di approntamento mai visti fino ad allora. Fu un conflitto altamente simbolico, dove il regime fascista impiegò una grande quantità di mezzi propagandistici con lo scopo di impostare e condurre una guerra in linea con le esigenze di prestigio internazionale e di rinsaldamento interno del regime stesso, volute da Benito Mussolini. In questo contesto i vertici militari e politici italiani non badarono a spese per il raggiungimento dell'obiettivo: il Duce approvò e sollecitò l'invio e l'utilizzo in Etiopia di ogni arma disponibile e non esitò ad autorizzare l'impiego in alcuni casi di armi chimiche. L'aggressione dell'Italia contro l'Etiopia ebbe rilevanti conseguenze diplomatiche e suscitò una notevole riprovazione da parte della comunità internazionale: la Società delle Nazioni decise d'imporre delle sanzioni economiche contro l'Italia, ritirate nel luglio 1936 senza peraltro aver provocato il benché minimo rallentamento delle operazioni militari.

Le ostilità non cessarono con la fine delle operazioni di guerra convenzionali, ma si prolungarono con la crescente attività della guerriglia etiopica dei cosiddetti arbegnuoc ("patrioti") e con le conseguenti misure repressive attuate dal governo italiano, durante le quali non furono risparmiate azioni terroristiche nei confronti della popolazione civile; la resistenza etiope collaborò poi con le truppe britanniche nella liberazione del paese dagli italiani nel corso della seconda guerra mondiale. Formalmente lo stato di guerra ebbe ufficialmente termine il 10 febbraio 1947 con la stipula del Trattato di Parigi fra l'Italia e le potenze alleate, che comportò per l'Italia la perdita di tutte le sue colonie africane.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina

Voci di qualità
Voci di qualità
FullMoon2010.jpg

La Luna è un satellite naturale, l'unico della Terra. Il suo nome proprio viene talvolta utilizzato, per antonomasia e con l'iniziale minuscola («una luna»), come sinonimo di satellite anche per i corpi celesti che orbitano attorno ad altri pianeti.

Orbita a una distanza media di circa 384 400 km dalla Terra, sufficientemente vicina da essere osservabile a occhio nudo, il che rende possibile distinguerne alcuni rilievi sulla superficie. Essendo in rotazione sincrona rivolge sempre la stessa faccia verso la Terra e il suo lato nascosto è rimasto sconosciuto fino al periodo delle esplorazioni spaziali.

Si pensa che la Luna si sia formata 4,5 miliardi di anni fa, non molto tempo dopo la nascita della Terra. Esistono diverse teorie riguardo alla sua formazione; la più accreditata è che si sia formata dall'aggregazione dei detriti rimasti in orbita dopo la collisione tra la Terra e un oggetto delle dimensioni di Marte chiamato Theia.

Leggi la voce · Tutte le voci di qualità

Lo sapevi che...
Lo sapevi che...
Kolymarivermap.png

Silene stenophylla è una pianta erbacea spermatofita dicotiledone appartenente alla famiglia delle Caryophyllaceae, che cresce nella tundra artica.

Nel 2012 alcuni ricercatori dell'Accademia delle Scienze di Russia sono riusciti, tramite la rigenerazione dei tessuti intatti di semi provenienti dalla Siberia Nord-orientale relativi al Pleistocene, a riportarne in vita esemplari risalenti tra i 31.500 e i 32.100 anni fa trovati all'interno di una tana fossilizzata di alcuni scoiattoli.

Leggi la voce · Proponi un'altra voce

Ricorrenze
Ricorrenze
HGM Grießler Montecuccoli.jpg
Raimondo Montecuccoli

Nati il 21 febbraio...
Raimondo Montecuccoli (1609)
Friedrich Carl von Savigny (1779)
Raymond Queneau (1903)

... e morti
Baruch Spinoza (1677)
Paul Henri Thiry d'Holbach (1789)
Malcolm X (1965)

In questo giorno accadde...
1431 – Inizia il processo a Giovanna d'Arco.
1804 – La prima locomotiva a vapore esce dalla fabbrica della Pen-y-Darren Ironworks, in Galles.
1848Karl Marx e Friedrich Engels pubblicano il Manifesto del Partito Comunista.
1916 – Comincia la battaglia di Verdun.
1953Francis Crick e James Dewey Watson scoprono la struttura della molecola del DNA.

Oggi ricorre: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Pier Damiani e Valerio del Bierzo. La religione romana celebrava i Feralia in onore dei morti .


Traduzione della settimana da Meta-Wiki

Questa settimana la voce da tradurre è:

(versione in italiano: Capo Perpetua)


Citazione del giorno da Wikiquote

Tu sarai amato, il giorno in cui potrai mostrare la tua debolezza, senza che l'altro se ne serva per affermare la sua forza.
Cesare Pavese


Immagine del giorno da Commons

Dampfturbine Laeufer01.jpg

Ultime notizie da Wikinotizie


Rilettura del mese su Wikisource

Speciale: Giorno della memoria
P Holocaust.png

Destinazione del mese su Wikivoyage

Edimburgo

Edinburgh homebanner night view castle and Balmoral Clock Tower.jpg

Costruita su sette colli, Edimburgo è famoso per il suo Festival estivo, ma attrae tutto l'anno migliaia di visitatori che ne visitano il castello e il Royal Yacht Britannia e assistono alle partite di rugby del Torneo 6 Nazioni.


La lezione del mese su Wikiversità

Tutti possono imparare o riapprendere nel modo più indipendente possibile con Wikiversità.
I materiali disponibili coprono più livelli di apprendimento e una vasta varietà di argomenti raggruppati per tematiche. E ciascuno possiede delle conoscenze che può trasmettere a chi legge. Anche tu.

Wikiversity-logo-it.svgInizia subito ad apprendere e a insegnare su Wikiversità...


Leggi in un'altra lingua